Apple iOS 7

Mi ci è voluto un po’ per capire davvero cosa penso del nuovissimo iOS 7, ho dovuto condividere impressioni con un po’ di amici in rete e dal vivo per poi finalmente capire…
Non stupisce. Non esalta. Non ho la morbosa necessità di averlo e provarlo…
Ignoriamo per un attimo l’interfaccia flat, cosa resta?
Si scopiazza, un po’ dai concorrenti, un po’ da cydia, ma la sostanza? Dov’è quella meravigliosa trovata che adesso che so che esiste non posso più farne a meno?
Come faccio a farmi tentare da un aggiornamento instabile e precario ma che non posso non fare?!

La metafora che più si avvicina a quel che penso è questa: avete presente quando su quattroruote mostrano le foto rubate di qualche macchina nuova in giro per le strade, piena di placche nere di plastica e nastro isolante per non svelare la vera linea e farla assomigliare in brutto al vecchio modello? Ecco, questo vorrei che fosse iOS7 presentato ieri…
Vorrei tanto che fosse l’ultima geniale trovata marketing della Apple… “Pensavate di aver visto davvero iOS 7? Beh, abbiamo scherzato! Serviva per dare qualcosa agli sviluppatori, ma la verità arriverà tra qualche giorno… Oppure ad ottobre!!!”
Vorrei… È invece temo che sia tutto qui… Qualche shortcut, un paio di icone piatte, gli sfondi animati…

Bah…
Più che l’emozione del regalo di natale, ultimamente Apple mi esalta quanto il pigiama di flanella della zia per il compleanno… Cambia la fantasia, ma sempre pigiama di flanella è…

20130612-015619.jpg

L’Italia, un paese condizionato dai ricattatori

Che dire? …condivido, tutto!
Qui di seguito il link all’articolo completo:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/06/02/camilleri-costituzione-mandata-in-vacca-siamo-paese-in-mano-ai-ricattatori/613555/

Assioma flash…

Esiste una precisa formula matematica per definire con esattezza quel fenomeno fisico che si verifica, circoscritto nella tua stanza-ufficio-abitazione o quel che sia, quando hai fretta e devi chiudere il computer. Vista l’ora posso solo enunciarne la descrizione maccheronica e sintetica ripromettendomi di fornire appena possibile le formule di fisica quantistica:

Il backup del tuo iPhone ha una dimensione inversamente proporzionale al tempo che ti resta prima che tua moglie chieda il divorzio perché anche questa sera sei rientrato ad un’ora improbabile

La cosa assolutamente particolare sta nel fatto che spesso le dimensioni del backup sono decisamente superiori allo spazio fisico disponibile sul tuo dispositivo…

Worldc.am, idea semplice e geniale

Le idee migliori, si sa, molto spesso sono quelle più semplici.
E’ il caso di questa ottima trovata di due “Instagram Lovers”, così si definiscono nella sintetica pagina About del sito, che sono  Oskar Sundberg (@gori) e Per Stenius (@fimpen) che vi sto per raccontare.

L’idea pare sia nata dalla condivisibile difficoltà riscontrata nel cercare in un sol colpo tutte le foto scattate e postate su Instagram relative ad un certo luogo, che sia un Bar, una Chiesa, un Ufficio, una piazza o qualsiasi altro posto dove siete stati o vorreste andare o per il quale avete semplicemente curiosità di sapere com’è fatto dentro o intorno… Le foto sono “vere”, meno patinate di quelle ufficiali, a volte anche molto belle, a volte sfocate, non sempre “d’effetto”, ma sicuramente “sincere” visto che gli autori sono passanti, visitatori, fan, tutti quelli che possiedono uno smartphone e l’applicazione installata insomma…

E’ nato così Worldc.am, interfaccia minimale, due soli campi di ricerca, ma il risultato è sempre sorprendente: basta poco per scoprire cosa guarda dalla finestra un collaboratore di Google o dove parcheggia la bici uno sviluppatore di Cupertino, oppure semplicemente per sapere com’è davvero quell’albergo dove andrete tra 15 giorni o quel museo che vorreste visitare… Non c’è limite alla curiosità, salvo quello di scegliere luoghi che nessuno abbia mai postato su Instagram… E ormai non ce ne sono poi molti, sulla Terra…

Alcuni esempi:
Cupertino, sede della Apple
MountainView, sede di Google
Ascoli Piceno, sede della SELDA (si, sono un po’ megalomane!)
Roma, Montecitorio
New York, Rockfeller Center
Parigi, Roland Garros

PS: un grazie a @marcocimaroli per avermela fatta scoprire!